Seminario 2022 – III Sessione e Chiusura

Tempo di lettura 3 minuti


Video introduttivo a cura di Giovanni Panozzo


1° LECTURE
Attraverso il lavoro: dignità e autonomia per i più fragili
La fragilità accomuna tutte le persone, nessuna esclusa. Per alcune, però, può rappresentare una ulteriore barriera alla realizzazione del proprio progetto di vita e al conseguimento di una vita dignitosa. Per superare una mera logica assistenzialista – da tutelare e ampliare comunque quanto più possibile – è necessario rimettere al centro l’aver cura della persona attraverso la messa in atto di azioni che promuovano l’empowerment, la generatività e la crescita sia personale sia professionale di ognuno. Quali i fattori che trasformano la fragilità in una vera e propria condizione di svantaggio nell’accedere o nell’inserirsi nei contesti lavorativi? Quali barriere culturali e sociali impediscono una piena inclusione? Quali sono i processi che generano questo mancato riconoscimento?

Valeria Friso – Università di Bologna
Professoressa associata di Didattica e Pedagogia Speciale presso l’Alma Mater Studiorum di Bologna. La sua attività di ricerca riguarda i processi di inclusione sociale, in particolare nei confronti delle persone adulte in situazione di svantaggio, e la valorizzazione delle reti territoriali: temi che affronta anche nella formazione sul territorio. Partecipa a ricerche in progetti internazionali e svolge attività di cooperazione. È autrice di numerosi articoli e saggi e autrice di alcune monografie e curatele tra cui ricordiamo i più recenti: Università e carcere. il diritto allo studio tra vincoli e progettualità, Milano, Guerini Associati, 2018 (con Luca Decembrotto); Includere e progettare. Figure professionali a sostegno della disabilità adulta, Milano, Franco Angeli, 2020 (con Andrea Ciani); L’orientamento come ponte verso il futuro, numero monografico di Studium Educationis, Lecce, Pensa Multimedia, 2022.

2° LECTURE
Promuovere benessere: coltivare l’umanità nelle organizzazioni
Il mondo delle risorse umane è chiamato a fronteggiare una situazione assai complessa e, per alcuni versi, inedita: l’impatto della pandemia, così come il contesto economico-sociale segnato dalla incertezza e della precarietà, hanno generato ambienti di lavoro sempre meno accoglienti, segnati da insoddisfazione, mancanza di ascolto e riconoscimento. Per questo, è urgente più che mai rivedere i diversi fattori che compongono l’organizzazione del lavoro affinché si ritorni a valorizzare i bisogni e le aspettative di ogni singolo individuo, valorizzandone l’unicità e la ricchezza. Come creare di ambienti di lavoro che sappiano promuovere il benessere integrale dei collaboratori?

Silvia Dello Russo – Luiss Guido Carli
Professoressa Associata di Comportamento Organizzativo e Gestione delle Risorse Umane presso l’Università Luiss Guido Carli. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Psicologia delle Organizzazioni presso l’Università La Sapienza di Roma. I suoi interessi di ricerca includono pratiche HRM per lo sviluppo individuale (pratiche di gestione della carriera, coaching ed un focus principale sulla gestione delle prestazioni ed il feedback); la motivazione al lavoro lungo l’arco della vita e l’interazione tra l’individuo e il suo contesto organizzativo (strutturale, fisico, del compito e, soprattutto, il contesto sociale). Queste tre direttrici principali si intrecciano spesso tra loro.


10:30 – Coffee break


11:00 – Avvio Gruppi di Lavoro
1) Persona (e Educazione) presso la Sala Consigliare del Comune con Ornella Chinotti
2) Lavoro (e Policy) presso l’ex convento S. Francesco con Barbara Parmeggiani
3) Economia (e Sostenibilità) presso la Chiesa di San Michele con Gaia Corazza


12:00 – Restituzione in plenaria alla presenza dei relatori


12:30 – CHIUSURA


Download PDF
VIII Seminario - II Sessione
Incontri EllePì - Conversazioni sull'inclusione - Roma - 14 giugno 2022