CASA… DOVE SEI? | ELLEPì EDUGAME

Casa… dove sei?

EduGame sulla scoperta e la riscoperta della casa

 

L’attività proposta dalla Fondazione Lavoroperlapersona nella giornata di sabato 18 marzo 2017 ha avuto per titolo Casa… dove sei?, un gioco educativo progettato e realizzato da EllePì Edugame. Il gioco ha coinvolto tutti gli studenti delle classi 1° e 2° della Scuola Secondaria di Primo Grado della città di Offida per un totale di 100 ragazzi. Un’esperienza che la Fondazione realizza per la terza volta, dopo quella del 2015 dal titolo Trovarsi Altrove dedicata ai tema dell’accoglienza e dell’integrazione e quella del 2016 dal titolo Alla ricerca della città perduta dedicata alla scoperta e la riscoperta della propria città.

L’EduGame Casa… dove sei? ha avuto come obiettivo far riflettere i ragazzi sul concetto di casa e di ricostruzione, utilizzando il linguaggio del gioco per trattare in modo più leggero, ma non per questo meno penetrante, il loro incontro con l’evento del terremoto. La Fondazione ha voluto utilizzare una chiave positiva per la narrazione dell’EduGame, stimolando i ragazzi a riflettere non sui traumi e sui disagi che questa situazione ha provocato ma, anzi, sul trovare una soluzione mettendosi all’opera per ricostruire la propria casa.

In questo caso, il terremoto, nella sua tragicità, è divenuto il pretesto per una riflessione a tutto tondo sul concetto di casa, non solo come spazio fisico, ma come luogo di valori, di accoglienza di sicurezza e di apertura. La casa come luogo centrale della vita dell’uomo, che ha bisogno prima di tutto di essere progettata su delle fondamenta solide, capace di proteggere chi è al suo interno, capace di essere uno spazio accogliente coloro che vi abitano e in armonia con il paesaggio, per garantire quel respiro benefico tra dentro e fuori.

Per raggiungere tale obiettivo, i ragazzi di ogni classe sono stati divisi in 4 sottogruppi, ognuno con un compito specifico: i gruppo degli “Ingegneri” si è interrogato sulle fondamenta da dare ad una casa, affinché sia effettivamente resistente; il gruppo dei “Muratori” si è interrogato su che cosa rende sicura la casa; il gruppo degli “Architetti” si è interrogato su come rendere viva ogni abitazione; infine, il gruppo dei “Giardinieri” si è interrogato su come riuscire a rendere armoniosa la casa con il territorio.

Il lavoro di gruppo compiuto in ogni classe – facilitato dai volontari della Fondazione e compiuto grazie alla preziosa collaborazione delle insegnanti – ha prodotto altrettanti progetti su come dovrebbe essere una casa ideale. Questi progetti, poi, sono stati oggetto di confronto e di dialogo tra i ragazzi, soprattutto per comprendere insieme quali debbano essere le “buone pratiche” affinché la ricostruzione possa davvero produrre una casa capace di ospitare la vita quotidiana delle persone senza separarle dal mondo ma, anzi, aprendo all’incontro con gli altri.

La fase successiva dell’EduGame ha visto le quattro classi coinvolte andare in palestra per “mettere in pratica” i concetti emersi durante la discussione di gruppo attraverso un grande gioco in cui i ragazzi si sono sfidati per realizzare e ricostruire la casa. Toccare con mano e partecipare giocosamente alla costruzione di una “casa”, seppur simbolica, è un passaggio essenziale dell’EduGame EllePì, in quanto attraverso il gioco, il linguaggio più vicino alla sensibilità dei ragazzi, è possibile davvero far germogliare una consapevolezza generativa su temi anche complessi, i quali, se declinati diversamente, rischierebbero di rimanere puramente astratti.

 

L’ultimo gioco ha visto tutti i ragazzi sfidarsi gli uni contro gli altri, cercando di rimettere dentro la casa ormai ricostruita i propri sogni e le proprie speranze, cose che erano state disperse dalla scossa di terremoto. Un gioco altamente simbolico, per spingerli a riprendere in mano la loro vita, raccogliendo tutto ciò che era stato perso, distrutto o interrottoper riunirlo e farlo, di nuovo, germogliare.

L’EduGame Casa… dove sei? si concluderà durante il Film Festival Offida 2017, in programma dal 15 al 17 settembre, nella mattinata di venerdì 15 settembre.

 

 

Download PDF
LA FONDAZIONE LAVOROPERLAPERSONA PARTNER DEL PROGETTO DEL COMITATO GIOVANI UNESCO
IL LAVORO CHE VOGLIAMO