Blog

di Giorgio Fabbri “Vorrei insegnare alle persone la musica, la fisica, la filosofia; ma soprattutto la musica, perché nel modello della musica sono contenute le chiavi dell’apprendimento”. Così si esprimeva Platone più di duemila anni orsono. Le più recenti ricerche delle neuroscienze in merito ai rapporti tra musica e cervello, evidenziano come l’ascolto e la pratica musicale siano in grado di incidere significativamente sulle modalità adottate dal cervello mentre apprende e lavora. L’essere umano è fatto per rispondere alla musica. Siamo “fatti di musica”, afferma Daniel Levitin, nel suo saggio dal titolo omonimo1.  “La musica è pane per le neuroscienze” - sottolinea Robert Zatorre - “Essa tocca quasi ogni abilità cognitiva a cui i neuroscienziati sono interessati: non solo gli ovvi sistemi uditivi e motori coinvolti nella percezione e nella produzione musicale, ma anche le interazioni multisensoriali, la memoria, l’apprendimento, l’attenzione, la progettualità, la creatività e le emozioni”2.

Summer School sui Beni Relazionali Orizzonti della Fiducia. Percorsi, valori, risorse. Offida, 22 – 26 Luglio 2013 Venerdì 26 luglio ad Offida, negli spazi della Fondazione Lavoroperlapersona, si è svolta l’ultima giornata della Summer School sui Beni Relazionali – Orizzonti della Fiducia. Percorsi, valori, risorse, che ha avuto...

Lavoro, Apprendimento, Accoglienza Video e foto, testi e riflessioni per condividere l’impegno verso gli altri Si è svolto sabato 13 luglio presso il Palazzo Luminari di Rosora, l’incontro Lavoro, Apprendimento, Accoglienza, iniziativa organizzata dalla Fondazione Lavoroperlapersona in collaborazione con il Comune di Rosora. L’incontro è stato un’occasione per...

Ensemble  Laboratori musicali per educare all’ascolto 8-12 luglio 2013 Venerdì 12 luglio si è concluso il progetto educativo Ensemble – Laboratori musicali per educare all’ascolto, iniziativa gratuita dedicata ai ragazzi delle scuole medie, svoltasi a Offida presso gli spazi dei ‘Laboratori Didattici Museo Aldo Sergiacomi’, organizzata dalla Fondazione...

Riconoscere le relazioni come motore delle organizzazioni

di Mario Losito L'attuale configurazione degli scenari socio-economici e delle nuove emergenze sociali pone le organizzazioni nella condizione di dover ripensare e ridisegnare i propri assetti organizzativi, di attivare percorsi formativi mirati allo sviluppo e alla valorizzazione delle competenze, di avviare percorsi di sviluppo delle risorse umane. In tale contesto ciò che sembra apparire decisivo per le organizzazioni maggiormente esposte alla competizione è la capacità di innovarsi e di trasformarsi (Crozier, 1990; Hatch, 1999). La comunità di lavoro orientata all'innovazione può essere definita anche come una achieving community (McFarlane, Cook, 2002) che connette le caratteristiche dell'organizzazione 'naturale' (cioè emergente dalla dinamica dei gruppi sociali) con quelle dell'organizzazione 'razionale' (cioè un sistema aperto di regole razionali frutto di progettazione intenzionale) (Bonazzi, 1999).