Programma VI Seminario – Persona, lavoro e innovazione

Programma VI Seminario – Persona, lavoro e innovazione

Persona, lavoro e innovazione: con o contro l’economia dei robot?

VI Seminario Interdisciplinare sull’Accoglienza

Offida (AP) 14/15/16 Settembre 2018

IL PROGRAMMA 

Venerdì 14 Settembre

18.00 Apertura – Ex Convento di San Francesco 

INTRODUZIONE E SALUTI
Gabriele Gabrielli – Presidente della Fondazione Lavoroperlapersona
Valerio Lucciarini de Vincenzi – Sindaco di Offida
Lella Mazzoli – Scuola di Giornalismo di Urbino 

PROIEZIONE DEL FILM:L’inaspettato’ di Giovanni Panozzo

LAVORO, ECONOMIA E ROBOTICA: UN INCONTRO AL SERVIZIO DELLA PERSONA?
La presenza sempre più diffusa di robot e d’intelligenza artificiale, insieme alla progressiva digitalizzazione dell’economia, lasciano vedere performance e capacità elaborative straordinarie assicurate dalla tecnologia. Di fronte a tutto questo, non rimane che proporre pratiche e teorie che non escludano l’uomo dal futuro che sta costruendo per sé, per ritornare protagonista del lavoro, dell’economia e dello sviluppo.
Marco Bentivogli – Fim-CISL
Leonardo Becchetti – Università degli Studi di Roma “TorVergata”
Giorgio Metta – Istituto Italiano di Tecnologia
modera Maria Cristina Origlia – Giornalista, Gruppo Sole24Ore

20.30 Cena – Ex Convento di San Francesco

 

Sabato 15 Settembre

9.15 Inizio lavori – Ex Convento di San Francesco

9.30 1° sessione
DIGITAL TRANSFORMATION E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: LE FRONTIERE DELL’INNOVAZIONE
Le potenzialità che la tecnologia mette al servizio della nostra immaginazione costituiscono, ormai, il nuovo campo di azione dell’uomo. La rivoluzione digitale e le sempre maggiori applicazioni dell’intelligenza artificiale fanno sorgere il timore che la persona possa diventare l’appendice di uno sviluppo tecnologico fine a se stesso. Per questo, abbiamo bisogno di individuare le frontiere dell’innovazione al fine di ricostruire lo spazio in cui poter far fiorire l’umano nell’economia e nel lavoro.
Andrea Prencipe – Rettore LUISS Guido Carli
Testimone: Gino Romiti – Loccioni

 

10.30 2° sessione
INTELLIGENZE ARTIFICIALI E ROBOT: SFIDE ETICHE
La rivoluzione 4.0 e l’economia dei robot rappresentano una questione non solo economica e organizzativa, ma, prima di tutto, antropologica. Nel dialogo, ormai imprescindibile, con l’artificiale e la sua intelligenza, con la tecnologia e le sue potenzialità inedite, abbiamo la possibilità di pensare di più e meglio la “condizione tecno-umana”, al fine di costruire un’etica che vada oltre alla mera accettazione dell’Homo meramente technologicus.
Paolo Benanti – Pontificia Università Gregoriana
Testimone: Calogero Maria Oddo – Scuola Superiore Sant’Anna – Pisa

11.30 Coffee break

 

12.00 3° sessione
L’INNOVAZIONE DISTRUGGERÀ O CREERÀ OCCUPAZIONE?
Lo spettro di una imminente disoccupazione tecnologica provocata dall’innovazione tecnologica è, come sappiamo, ben presente all’interno del dibattito pubblico. Emerge, però, anche la voce di chi immagina che, dopo una inevitabile fase di transizione, la tecnologia e i robot creeranno nuova occupazione e, con essa, il fabbisogno di nuove competenze. La vera sfida che abbiamo davanti, dunque, è riflettere sulla diversità e sulla qualità del lavoro che stiamo costruendo per le generazioni future.
Francesco Seghezzi – Fondazione ADAPT
Testimone: Nunzio Tartaglia – UBI Banca Ancona

13.00 Pranzo – Ex Convento di San Francesco

 

14.30 Inizio lavori – Ex Convento San Francesco

14.30 4° sessione
RIVOLUZIONE 4.0 E DISEGUAGLIANZE SOCIALI: QUALE RELAZIONE?
I dispositivi tecnologici e digitali, se non sapremo disciplinare il loro impatto sulla società, corrono il rischio di trasformarsi in strumenti di nuove diseguaglianze economiche. Per essere capaci di promuovere un nuovo modello di giustizia sociale dobbiamo percorrere la via dell’innovazione tecnologica pensandola fin da subito come strumento politico, sociale ed economico per sostenere un futuro più equo per tutti e non solo per chi ne possiede, direttamente o indirettamente, il controllo.
Ospite: Mauro Gallegati – Università Politecnica delle Marche
Testimone: Silvia Pochettino – ONG 2.0

 

15.30 5° sessione
L’INTERAZIONE UOMO-MACCHINA. COME CAMBIERÀ L’ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO?
Le molteplici possibilità di interazione tra l’uomo e la macchina ci obbligano a una profonda riflessione sul modello di organizzazione del lavoro da costruire nel nostro immediato futuro. Interrogarsi, fin da ora, sull’avvento della Quarta Rivoluzione Industriale significa comprendere in che modo governare e progettare l’innovazione, affinché l’umano possa continuare ad essere al centro del lavoro e della sua storia.
Luca Solari – Università degli Studi di Milano

DI CHE LEADER AVREMO BISOGNO PER GUIDARE UOMINI E ROBOT?
La trasformazione del lavoro a cui stiamo assistendo, senza ombra di dubbio, rappresenta una sfida non solo per i lavoratori, ma anche – forse soprattutto – per i manager e per coloro i quali hanno la responsabilità di guidare imprese e organizzazioni. Di fronte alla possibilità di un umano sempre più superfluo, abbiamo bisogno di una leadership capace di mettere al centro la persona, facendosi carico di un progetto complessivo che riguarda la società intera.
Andrea Granelli – Kanso

16.30 Coffee break

 

17.00 Tavola Rotonda
SPAZIO INNOVAZIONE: COSA FANNO LE NOSTRE AZIENDE?
Una tavola rotonda costruita per dare conto delle molteplici realtà che stanno emergendo grazie all’innovazione tecnologica e per offrire uno spaccato delle declinazioni attraverso cui la tecnologia può mettersi davvero al servizio della persona e del lavoro.
conduce e modera Maria Cristina Origlia – Giornalista, Gruppo Sole24Ore
Ospiti: DroneBee, La Manuelita e MiscoValley

20.30 Cena

 

21.30 Spettacolo teatrale “Uomo a vapore – Teatro Serpente Aureo
“Uomo a vapore” è uno spettacolo musicale scritto da Roberto Mercadini (narratore) e composto da Fiorenzo Mengozzi (batteria, concertina e glockenspiel), accompagnati da Graziano Versari (chitarre) e Veronica Fabbri Valenzuela (violoncello). Una riflessione in musica e parole sulla trasformazione della società a opera del progresso tecnologico e sulle derive del comportamento umano nell’era digitale.

 

Domenica 16 Settembre

9.30 – Lavoro e innovazione: lo sguardo dei più giovani – Ex Chiesa di San Michele
I BAMBINI E I ROBOT
Mostra dei lavori di ArtLAB e di EllePì EduGame 2018 

 

10.30 Coffee break – Ex Convento San Francesco

 

11:00 Una nuova generazione alle porte 
GENERAZIONE ZETA. VALORI, MOTIVAZIONI E ATTEGGIAMENTI VERSO IL LAVORO E L’INNOVAZIONE
Uno spazio di discussione dedicato alla anticipazione dei risultati della survey curata dal Centro di Ricerca EllePì, in collaborazione con la LUISS Business School, per indagare gli atteggiamenti dei giovani della GenZ e dei Millenials nei confronti del lavoro, dell’innovazione e della tecnologia. La ricerca, nasce per consentire alle organizzazioni di costruire pratiche efficaci per attrarre e motivare i più giovani, per dotare il sistema educativo di elementi utili a selezionare metodologie e approcci efficaci per la valorizzazione delle competenze, per contribuire a sviluppare una maggiore consapevolezza circa le proprie motivazioni e attitudini, così da aiutarli ad avvicinarsi al mondo del lavoro con maggiore sicurezza.
Silvia Profili – Università Europea di Roma

Alessia Sammarra – Università de L’Aquila

 

11.45 Raccontare l’innovazione
L’INNOVAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO
La trasformazione digitale sta cambiando radicalmente la società e, con essa, anche il modo di raccontarla, descriverla ed analizzarla. Anche il giornalismo, negli ultimi anni, sta subendo una rapida metamorfosi che ci obbliga a riflettere sul suo senso e sul suo ruolo, di fronte ad una realtà sempre più veloce e sempre più sovraffollata di notizie. Si impone, dunque, una riflessione sulla professione del giornalista, pratica essenziale di pensiero critico e di democrazia per tutta la comunità.
Franco Elisei – Presidente dell’Ordine dei Giornalisti delle Marche 

 

12.15 Lectio magistralis
L’UMANESIMO CHE INNOVA
La tecnologia che stiamo immaginando ci interroga sul nostro modo di intendere e governare l’innovazione. Il tempo che stiamo vivendo, infatti, può anche essere una inedita occasione per elaborare una nuova declinazione dell’umanesimo, capace di costruire un lavoro libero, creativo, partecipativo e solidale. Una scelta, però, che non riguarda i robot e la loro intelligenza, ma il nostro modo di intendere l’uomo e il futuro, il bene comune e lo sviluppo economico della società.
Francesco Adornato – Rettore Università degli Studi di Macerata

 

12.45 Chiusura
Gabriele Gabrielli – Fondazione Lavoroperlapersona

 13.00 Pranzo

 

No Comments

Post A Comment